mercoledì 26 luglio 2017

Diario di viaggio: TRIESTE & SLOVENIA

Ciao ragazze! 
Eccomi finalmente tornata e finalmente trovo un attimo di tempo per raccontarvi il nostro ultimo viaggetto. Come avrete letto dal titolo infatti sono stata a Trieste e in Slovenia con il mio fidanzato, perché a fine giugno doveva tornare in Italia dopo sei mesi di stage a Monaco di Baviera e, avendo a disposizione la macchina, abbiamo deciso di allungare la strada e approfittarne per visitare Trieste di cui tutti mi avevano sempre parlato molto bene e già che c'eravamo, abbiamo aggiunto anche un paio di giorni al mare in Slovenia per rilassarci un po'! 

Siamo partiti da Monaco martedì 27 giugno verso le 10 di mattina, dopo aver svuotato tutta la casa e con la macchina supersupersuper carica!


L'ultima colazione bavarese: krapfen ovviamente!

Il viaggio è stato tutto molto tranquillo per fortuna e, dopo una pausa in un autogrill austriaco dove tutti mangiavano stinco e cotolette con patate giusto per stare leggeri, siamo arrivati a Trieste verso le 17.00. A Trieste avevamo prenotato un piccolo appartamento nel centro storico grazie ad Airbnb (se vi servono informazioni, chiedetemi pure perché noi ci siamo trovati davvero molto bene!) e dopo aver lasciato giù le valige siamo subito andati nella stupenda Piazza Unità d'Italia che si trova proprio a due minuti da casa nostra e che è il simbolo della città. Si tratta della piazza sul Mediterraneo più grande d'Europa ed in effetti è stupenda perché è immensa, circondata da stupendi edifici e aperta sul mare. Veramente spettacolare! 
Piazza Unità d'Italia vista dal Molo Audace




La gioia nel vedere il primo mare dell'anno!


Dopo una passeggiata sul lungo mare (vi do solo un consiglio: optate per dei pantaloni o una gonna molto stretta perché di vento ce n'è sempre abbastanza!), per cena abbiamo scelto un piccolo ristorante (ovviamente dopo aver verificato le recensioni su Tripadvisor!) che ha soddisfatto i nostri gusti molto diversi: pesce per me e carne per lui e vissero tutti felici e contenti! 
Piazza Unità d'Italia al tramonto

Il giorno seguente l'abbiamo dedicato alla visita della città partendo dal colle di San Giusto che è la parte più antica della città. In cima a questo colle infatti si trovano rovine romane, la basilica di San Giusto ed il castello medievale. Anche da questa zona la vista è davvero niente male direi! Poi siamo scesi e la seconda parte del nostro tour è stata nel Borgo Teresiano (che deve il nome a Maria Teresa d'Austria) che invece è la zona più moderna della città, più vicina al mare e con più negozi. 

Purtroppo per cena non abbiamo avuto il tempo di scegliere un ristorante perché un tremendo temporale si è scagliato sulla città e ci ha costretto a rifugiarci nella pizzeria "I fratelli La Bufala" che come sempre ci ha più che soddisfatto! Per fortuna all'uscita dal ristorante il temporale era finito e ci siamo goduti ancora un passeggiata nella piazza principale con il cielo che aveva davvero dei colori magnifici. Insomma, un ottimo modo per salutare questa Trieste che ci ha davvero stupito! 



Il molo audace dopo la tempesta

Vista del mare da Piazza Unità d'Italia

Noi, finalmente insieme! 
Il giorno seguente, dopo una veloce colazione, ci siamo rimessi in macchina per la seconda tappa del nostro viaggio: la Slovenia! Avevamo prenotato un hotel a Portorose che è la cittadina turistica più famosa della costa Slovena e da Trieste si raggiunge in solo mezz'oretta di strada. Nell'attesa che la camera dell'hotel fosse pronta, abbiamo fatto un giretto sul lungo mare e ci siamo resi conto che in realtà non è un vero e proprio paese ma solo un tratto di costa attrezzato con spiagge, ristoranti, bar e hotel per attirare il turismo, probabilmente perché è il tratto di costa più pianeggiante. Siccome però il giorno prima c'era stato il temporale, il mare era ancora molto sporco e mosso e quindi abbiamo preferito passare il pomeriggio nella piscina dell'hotel dove entrambi ci siamo addormentati più volte e ci siamo fatti il primo bagno della stagione! 
Per cena abbiamo deciso di andare a Pirano, una cittadina molto famosa perché si sviluppa su un promontorio e per questo è sempre stata usata come base per avvistare navi nemiche. Purtroppo però quella sera c'era un vento tremendo e siamo riusciti a passeggiare poco per la città perché era impossibile stare fuori. Per fortuna però abbiamo trovato un ristorante dove abbiamo mangiato dell'ottimo pesce a prezzi super! 


Vista del mare dalla cattedrale di Pirano al tramonto

Il giorno successivo, dopo una ricca colazione in hotel (mamma quanto amo le colazioni degli hotel!!) siamo andati in spiaggia carichissimi per la prima giornata di sole e mare. Purtroppo però il clima non era dalla nostra parte perché il cielo è diventato sempre più scuro e verso mezzogiorno abbiamo deciso a malincuore di abbandonare la spiaggia e passare il pomeriggio a visitare Lubiana, la capitale della Slovenia che dista circa un'ora e mezza di macchina da Portorose. Lubiana è una capitale piuttosto piccola, ma davvero molto graziosa. Abbiamo visitato il centro e poi abbiamo cenato in una piazza attrezzata con una sagra dello street food alla quale partecipano molti ristoranti della città: calamari fritti per me, pollo egiziano per lui e poi gelato per entrambi. Subito dopo la cena ci siamo incamminati verso la macchina perché il cielo stava diventando sempre più nero anche lì e ci siamo salvati dal diluvio universale proprio per un pelo! 


Interno della Cattedrale di Lubiana

Sul Triplo Ponte di Lubiana

Purtroppo il giorno successivo era l'ultimo giorno di vacanza, ma siccome il cielo era finalmente limpidissimo, abbiamo deciso di fermarci in spiaggia per un po': abbastanza per ustionarci in varie parti del corpo nonostante la crema protezione 30! 


La spiaggia di Portorose

Bye bye Slovenia!

Dopo un pranzo a base di frutta e gelato, abbiamo dovuto fare una doccia veloce e poi rimetterci in macchina perché la strada davanti a noi era decisamente lunga. Sulla via del ritorno però ci siamo fermati in un luogo che io volevo tanto visitare: Redipuglia. Si tratta di una città vicina a Trieste dove c'è il sacrario militare costruito in epoca Fascista dove sono stati seppelliti moltissimi soldati che hanno perso la vita combattendo sul Carso durante la prima guerra mondiale. La scalinata è davvero imponente e riporta i nomi di tutti i soldati riconosciuti in ordine alfabetico mentre in alto sono conservati i corpi di altri soldati non riconosciuti. E' davvero impressionante, perciò se siete di passaggio merita davvero una visita. 
All'interno di una trincea di Redipuglia

Sacrario Militare di Redipuglia

A conclusione di questo viaggio vorrei dirvi che Trieste merita davvero una visita perché è una città molto bella e interessante e due giorni sono più che sufficienti per visitarla davvero bene. Per quanto riguarda la Slovenia invece non ve la consiglio per il mare perché il tratto di costa slovena è davvero breve e in Italia abbiamo spiagge molto più belle. Probabilmente si trova un mare molto più bello se si scende un po' e si arriva in Croazia. Lubiana invece è una città molto carina che potete visitare in mezza giornata e anche Redipuglia merita davvero una visita. 


Spero di avervi dato qualche spunto utile per i vostri prossimi viaggi e non esitate a lasciarmi un messaggio per qualsiasi domanda! 
A presto, 



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...