martedì 12 agosto 2014

Diario di viaggio: AMSTERDAM

 Ciao a tutte!! :) 
Eccomi di nuovo appena tornata da un'altra vacanza alla scoperta di un'altra capitale europea: AMSTERDAM. Questa volta le mie compagne di viaggio erano mia mamma e mia sorella e la vacanza è durata quattro giorni. In questo post vi vorrei scrivere un po' il mio diario di viaggio di questi quattro giorni sperando che possa esservi d'ispirazione per visitare questa città in futuro oppure che vi possa essere utile se avete già programmato un viaggio in Olanda. 
Vi avviso che sarà un post un po' lungo e ricco di immagini, perciò vi consiglio di mettervi comode! 
Ready? 
3..
2..
1..
Go!


Il viaggio è iniziato giovedì 7 agosto da Milano Malpensa dove abbiamo preso un volo di Easyjet della durata di 1.30h che ci ha portato all'aeroporto di Schipol di Amsterdam. Si tratta di uno degli aeroporti più grandi d'Europa perciò state ben attente a non perdervi! Dopo aver comprato una card valida per quattro giorni per tutti i trasporti urbani di Amsterdam al prezzo di 21 euro (vi consiglio vivamente di fare una tessera di questo genere, perché il biglietto singolo è piuttosto caro!), abbiamo preso il treno che ci ha portato in città vicino all'hotel. Abbiamo soggiornato al Novotel nei pressi della Stazione RAI. L'hotel era un po' fuori dal centro città ma era servito perfettamente con i mezzi pubblici perché si trovava vicinissimo al capolinea della linea 4 del tram che in 15 minuti ti porta in centro città. 
(Parentesi: se volete andare ad Amsterdam, vi consiglio di prendere un hotel carino fuori città come abbiamo fatto noi, perché i mezzi pubblici funzionano davvero bene! Più che altro perché se volete un hotel più centrale rischiate di spendere molti più soldi per avere una camera piccola e spartana come era successo a me l'anno scorso in Interrail). 
Dopo aver lasciato giù i bagagli, abbiamo preso il tram e siamo scesi in Piazza Dam che è la piazza principale della città sulla quale si affaccia il Palazzo Reale e la Chiesa Nuova che è stata la prima tappa della nostra visita. L'ingresso costa 8 euro e comprende un'audioguida che permette di fare un giro della chiesa e di vedere video sulla storia della chiesa e della famiglia reale olandese. Per pranzo abbiamo scelto l'Esprit Cafè dove ho scelto un buon bagel con salmone affumicato. Nel pomeriggio siamo andate al mercato dei fiori dove abbiamo acquistato tulipani per parenti ed amici ed infine abbiamo concluso il pomeriggio con una gita sul battello lunga circa un'ora. Per la cena infine siamo scese dal tram in piazza Rembrandt e abbiamo scelto un locale americano dove ho mangiato un burrito con carne e verdure. 
(N.B. La cucina olandese non è per niente rinomata, anzi forse gli olandesi sono forse quelli che mangiano peggio in tutta europa!).  

Coro della chiesa nuova - All'interno video sulla storia e sulla famiglia Reale
Amsterdam by night 

Negozio di formaggi olandesi con commesse con abiti tipici 

Vista della città dal battello 

Io al mercato dei fiori 

Che tenera questa gatta incinta che si lascia coccolare!
Il secondo giorno avevamo la sveglia alle 7.45 perchè la prima tappa era il museo di Van Gogh per il quale avevamo prenotato i biglietti alle 9. Il museo costa 15 euro e vi consiglio vivamente di acquistare i biglietti online prima di partire (fatelo anche con un po' di anticipo se volete avere ampia scelta sull'orario di ingresso) per evitare infinite code! Il museo ripercorre la storia di Van Gogh con moltissime opere, la vista infatti è durata circa due ore. Per il pranzo ci siamo fermati della zona dei musei dove abbiamo trovato anche il Festival del Gelato Italiano! 
Nel pomeriggio poi ci siamo diretti nuovamente verso il centro città e abbiamo fatto un itinerario a piedi lungo i canali occidentali. Per concludere poi, dato che si era messo a piovere, siamo entrati in due grandi magazzini famosi. Il primo era il Magna Plaza che ospita negozi di brand medio/economici (io per esempio ho acquistato un paio di candele al negozio di Yankee Candle) e il secondo invece era il De Bijenkorf che è simile alla Rinascente con negozi di lusso (potete trovare i cosmetici di Mac a prezzi leggermente più convenienti di quelli italiani!). Dopo una pausa di riposo in hotel, per cena abbiamo scelto un ristorante argentino (di cui la città è davvero piena!) dove ho mangiato una deliziosa entrecote. 
Vista dall'inizio di un canale

Zona dei musei 

Gelato Festival - Zona dei musei 

Interno del Magna Plaza
Anche il terzo giorno avevamo la sveglia presto perché evitare code infinite alla Casa di Anne Frank. Ma, nonostante siamo arrivati lì alle 9.15, abbiamo dovuto fare due ore di coda!! La visita all'interno è durata circa un'ora e mezza ed è stata molto suggestiva, nonostante la casa fosse vuota (il padre di Anna Frank infatti, l'unico sopravvissuto alla guerra, ha voluto che la casa-museo rimanesse vuota come simbolo della ferocia dei nazisti che l'avevano fatta sgombrare subito dopo l'arresto della sua famiglia). Dopo un pranzo da Bagel and Beans con un bel bagel con formaggio, miele e noci (buono, ma un po' pesante), ci siamo diretti verso la stazione e abbiamo preso un treno per Utrecht. E' un paese vicino ad Amsterdam molto carino. Abbiamo girato il centro città in un paio d'ore e devo ammettere che mi è piaciuta molta perché come Amsterdam ha il fascino dei canali però è più piccola e quindi meno caotica e più caratteristica. Se vi fermate ad Amsterdam almeno 4 giorni, vi consiglio di fare anche una gita ad Utrecht perché merita davvero. 
Per cena poi siamo rientrati ad Amsterdam e, non sapendo più cosa mangiare, alla fine abbiamo optato per un ristorante italiano dove abbiamo mangiato delle pizze discrete. 

Monumento per gli omosessuali 

La torre più antica di Utrecht 

Utrecht - Centro città 
  Infine l'ultimo giorno è iniziato con una visita allo Stedelijk Museum, ovvero il museo di arte contemporanea. La visita è durata circa un paio d'ore e abbiamo visto opere che ripercorrono un po' tutta la storia dell'arte del 1900. Nel pomeriggio poi abbiamo fatto un ultimo giro nel centro città e abbiamo acquistato gli ultimi souvenirs. 

Mirò
   



E così il nostro viaggio è terminato! 
In conclusione direi che Amsterdam è davvero una città affascinante e diversa da tutte le altre, perciò merita decisamente una visita. Per visitarla bene vi consiglio di starci almeno tre giorni pieni, ma vi assicuro che anche se vi fermate di più non vi annoierete affatto! L'unica pecca è il clima che è piuttosto fresco in estate e molto piovoso, perciò vi consiglio di mettere in valigia ombrello, giubbotto e felpe. L'altro difetto è il fatto che è piuttosto cara sia per il cibo sia per i musei! 

Per il resto il mio consiglio è di programmare una bella visita ad Amsterdam perché vi assicuro che non tornerete delusi!! Se avete bisogno di qualsiasi altra informazione, non esitate a lasciare un commento qui sotto! Sarò più che felice di rispondere a tutte le vostre domande ^.^ 

Un bacione ragazze, a presto! 


4 commenti:

  1. Bellissimo il tuo racconto e le tue foto!
    Non ho mai visto Amsterdam e mi hai fatto proprio venir voglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie mille!! Ti assicuro che è davvero una città da visitare perché ne vale la pena! Ti consiglio di andare d'estate perché il clima è piuttosto fresco quindi temo che d'inverno faccia davvero troppo freddo!! Se hai bisogno di qualsiasi info, non esitare a contattarmi!! :)

      Elimina
  2. Favolosa Amstedam mi piacerebbe visitarla ma immagino che si geli a Natale =) Belle foto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!! Sì guarda non ti consiglio di visitarla nella stagione invernale perché davvero temo che si geli e quindi non si riesca neanche a godersi la città! Penso che la stagione estiva sia la migliore perché anche nelle belle giornate di sole le temperature arrivano al massimo a 25/27 gradi perciò è una temperatura perfetta per visitare una città!! Non dimenticare assolutamente un ombrello in valigia, perché la pioggia è quasi assicurata :(

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...